Cosa fare una volta superato l’Esame IVASS 2019

In queste ore stiamo ricevendo tantissime richieste di chiarimento da parte dei candidati all’esame che hanno superato la prova scritta del 2 Luglio e ottenuto così l’idoneità all’iscrizione alle sez. A e B del RUI. Di seguito riassumiamo i nostri suggerimenti:

COME ISCRIVERSI ADESSO IN SEZ. A / B DEL RUI

Vi ricordiamo che il superamento dell’esame è un requisito di professionalità che permane nel tempo e non ha scadenza. Si manterrà quindi il requisito sempre anche se non ci si iscrive subito alle sez. A e B del RUI.

E’ quindi possibile rimanere in sez. E o non iscriversi subito al RUI ed iscriversi in sez. A o B anche in un secondo tempo (non appena si vorrà cominciare ad esercitare l’attività di agente o broker).

Vi ricordiamo inoltre che per iscriversi in sez. A dovrete cancellarvi dalla sez. E. Pertanto suggeriamo di fare il passaggio di sezione solo se necessario (e quindi se volete intraprendere l’attività di broker o una Compagnia vuole darvi un mandato agenziale).

Nel caso invece in cui si volesse procedere subito all’iscrizione in sez. A e B del RUI occorre presentare all’IVASS domanda di iscrizione mediante l’utilizzo del modello elettronico PDF, che dovrà essere scaricato con Internet Explorer, compilato offline, firmato digitalmente e inviato come allegato via PEC esclusivamente all’indirizzo istanze.rui@pec.ivass.it. Nella domanda di iscrizione è necessario attestare di essere in regola con il pagamento dell’imposta di bollo e l’avvenuto versamento della tassa di concessione governativa di € 168,00 in caso di prima iscrizione al RUI mediante bollettino di conto corrente postale n. 8003, intestato a “Agenzia delle entrate – Centro Operativo di Pescara – Tasse Concessioni Governative” con causale “Tassa iscrizione nel Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi” Art. 109 D. Lgs. 7 settembre 2005, n. 209 e Regolamento IVASS 16/10/06, n. 5. Questa tassa non va pagata se si è già iscritti al RUI e si fa il passaggio da una sezione ad un’altra dello stesso.

L’iscrizione nella sez. A o B del RUI avverrà entro massimo 90 giorni, dopo di che sarà possibile operare come agente o broker.

Nel caso di passaggio dalla sezione E alla sezione A o B del RUI alla domanda va allegata la comunicazione di interruzione del rapporto di collaborazione effettuata dall’intermediario per il quale è stata svolta l’attività, ovvero, in mancanza, la dichiarazione di cessazione del rapporto di collaborazione, resa dal collaboratore.

Suggeriamo di scaricare subito invece l’attestato di superamento dell’esame. Per farlo è necessario andare al link indicato di seguito e utilizzare le credenziali (indirizzo mail e password) ricevute al momento dell’iscrizione alla prova di idoneità:

L’area riservata sarà attiva solo per poco tempo, per cui invitiamo tutti i promossi a farlo appena possibile.

COME TROVARE UN MANDATO AGENZIALE

Molti ci chiedono qualche consiglio su come ottenere un mandato agenziale o comunque trovare nuove collaborazioni.

Per venire incontro a questo tipo di richiesta è attivo da più di 4 anni il nostro Portale dedicato a chi cerca e offre lavoro nel mondo delle Assicurazioni: IO Assicuro.it

Sul nostro portale pubblichiamo periodicamente le migliori offerte di lavoro di Compagnie e società di selezione del personale specializzate nel settore assicurativo. Cliccando qui potete vedere ad esempio le offerte di lavoro di Giugno.

E’ inoltre presente una bacheca per pubblicare gratuitamente i vostri annunci, ma soprattutto è possibile caricare il vostro curriculum sul nostro Database dei Curriculum Assicurativi.

Si tratta di un Database simile a quello di Monster, ma specifico per gli intermediari assicurativi (è possibile inserire il proprio mix di portafoglio, se siete anche promotori finanziari, se avete ottenuto l’idoneità alle sez. A e B del RUI e tante altre informazioni essenziali per un intermediario assicurativo). Il database è consultabile da Compagnie, broker, agenti e società di selezione che possono così velocemente selezionare i migliori curricula ed è ormai arrivato oltre i 4.100 curricula caricati.

Invitiamo pertanto tutti a non perdere questa occasione unica e inserire il proprio curriculum cliccando qui. Bastano pochissimi minuti!

AVERE NEL CURRICULUM ANCHE ALTRE ABILITAZIONI

Per chi volesse continuare a studiare ed acquisire nuove abilitazioni professionali ricordiamo i nostri due siti:

www.esameoam.it il nostro blog dedicato all’esame per Agenti e Mediatori Creditizi.

www.esamepromotore.it il nostro blog dedicato all’esame per Promotore Finanziario (oggi Consulente Finanziario).

In particolare vi informiamo che chi si iscrive alla sez. A del RUI come Agente di Assicurazione potrà iscriversi anche all’albo unico dei Consulenti Finanziari con una prova valutativa semplificata che prevede meno domande e meno argomenti d’esame. Per maggiori informazioni potete cliccare qui.

MANTENERSI SEMPRE AGGIORNATI SU COSA SUCCEDE NEL SETTORE ASSICURATIVO

Un invito che vi facciamo è quello di continuare a mantenervi aggiornati sulle ultime news e sui frequenti cambiamenti della normativa del settore.

In tal senso abbiamo attivato tantissimi strumenti per mantenersi sempre informati su tutte le novità che riguardano la vostre professione, sfruttando tutti i principali social network. Anzitutto potete seguire direttamente il dott. Infantino su Twitter o su Linkedin.

Inoltre non perdetevi il nostro Gruppo Linkedin “Intermediario Assicurativo”, un Forum con oltre 13.000 iscritti e centinaia di commenti ogni settimana. Ogni giorno trovate in anteprima tutte le più importanti news assicurative commentate dagli esperti del settore. Si tratta di un modo formidabile per tenersi aggiornati, stare in contatto con i vostri colleghi e partecipare ai dibattiti più interessanti del settore. Del gruppo fanno parte non soltanto intermediari, ma anche responsabili tecnici e direttori commerciali di Compagnie, recruiter specializzati nel settore assicurativo, giornalisti di settore, rappresentanti delle associazioni dei consumatori e presidenti delle principali associazioni di categoria.

Inoltre per chi vuole seguirci su Facebook la nostra pagina è: www.facebook.com/InsuranceLab e per essere sempre aggiornati sulle news del settore assicurativo www.facebook.com/IOAssicuro

Infine invitiamo tutti coloro che vogliono continuare ad approfondire la tecnica assicurativa, il risk management, la tecnica commerciale e il marketing a non perdersi la nostra: Libreria Assicurativa. Sul sito www.libreria-assicurativa.it  troverete anche il tweetbook gratuito di Salvatore Infantino: Consigli per un Giovane Assicuratore.

A chi vuole diventare broker in particolare segnaliamo il libro di Salvatore Infantino e Mirko Odepemko:

Diventare un Broker Professionista

Si tratta del primo e unico manuale che contiene tutto quello che occorre sapere per fare il Broker Assicurativo.

Il manuale è dedicato a voi ed è stato pensato e strutturato sulla base delle richieste dei candidati all’esame che volevano intraprendere la carriera di broker.

L’opera è una guida operativa a questa professione e nasce con l’obiettivo di spiegarne le caratteristiche fondamentali e fornire a tutti coloro che già operano nel settore del brokeraggio assicurativo o che desiderano operarvi tutti gli strumenti, le tecniche fondamentali e l’approccio consulenziale da adottare per svolgerla al meglio.

Al link indicato di seguito trovate l’indice e un’anteprima del libro:
http://issuu.com/infantinos/docs/anteprima_diventare_un_broker_profe

Di seguito trovate il link per acquistarlo in versione cartacea o e-book immediatamente scaricabile:
http://www.lulu.com/shop/search.ep?title=diventare+un+broker+professionista&sorter=relevance-desc

Altro testo interessante presente nella nostra Libreria Assicurativa è:

Professione Intermediario Assicurativo

Psicologia, tecniche, consigli, suggerimenti, esempi e schede pratiche per chi vuole diventare un professionista della vendita

di Cesare D’Ambrosio

Prefazione di S. Infantino

Professione Intermediario Assicurativo

“Professione Intermediario Assicurativo” è un libro pensato per aiutare tutti gli intermediari di assicurazione (agenti, sub-agenti, broker, produttori) a far crescere la propria attività.

L’obiettivo principale è offrire un supporto per guardare oltre la crisi della propria professione e del mercato, imparando nuovi modi di vendere e creare opportunità.

Questo libro presenta la parte più stimolante delle esperienze vissute sul campo dallo stesso autore, durante lunghi anni d’attività, nonché quanto di meglio è stato scritto in tema di psicologia di vendita da noti studiosi dell’arte del vendere. L’autore non si è limitato a sottolineare l’aspetto psicologico della vendita, ma ha arricchito il testo con suggerimenti e consigli pratici, tratti dall’azione personale per conto di una delle maggiori società d’assicurazione italiane e dalle ampie conoscenze acquisite nel settore assicurativo e finanziario.

Il libro è dedicato a chi svolge l’attività della consulenza finanziaria e/o assicurativa e desidera conoscere ed applicare le tecniche più importanti della Programmazione Neuro Linguistica sulla comunicazione e sulla vendita, i modelli di riferimento che riguardano la propria motivazione e le strategie avanzate per definire precisamente i propri obiettivi. È un’opera quindi frutto della pratica e, in poche parole, un testo destinato a chi voglia intraprendere la difficile ma appagante carriera dell’assicuratore, ma anche a coloro che, avendola intrapresa da qualche tempo, desiderano dare al proprio lavoro un’impronta più sistematica e quindi più produttiva.

La chiarezza nell’esposizione e la praticità nell’utilizzo consentono al lettore di acquisire nuovi e formidabili strumenti per migliorare la propria attività, sviluppare nuove capacità in modo semplice e duraturo e prendere consapevolezza dei propri mezzi per raggiungere risultati e obiettivi finora mai sperati.

All’interno del testo troverete risposte esaurienti ad una serie di quesiti da risolvere quotidianamente:

– dove trovare i clienti;

– come programmare le visite;

– come presentarsi;

– come fronteggiare le reazioni del cliente;

– le risposte da dare alle obiezioni;

– come superare le obiezioni infondate;

– quale tecnica adottare per arrivare a una conclusione positiva.

Con l’ausilio dei tanti esercizi pratici, imparerete dunque a vedere la vostra attività sotto una nuova lente di ingrandimento, con benefici immediati nell’arte di comunicare in modo persuasivo e nella capacità di vendere in modo etico e insieme profittevole per voi stessi e per il cliente. Scoprirete una nuova immagine di voi stessi e acquisirete maggiore autostima e sicurezza riuscendo a realizzare finalmente gli obiettivi di carriera e di guadagno che vi siete prefissati.

Disponibile in versione cartacea o e-book. Per acquistarlo potete cliccare qui.

UTILIZZO DELLO STUDIO FATTO PER L’ESAME AI FINI DELL’AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IVASS

Chi ha superato la prova di idoneità per l’iscrizione nelle sezioni A e B del RUI potrà invece iscriversi per la prima volta in sez. E del RUI senza dover svolgere il corso obbligatorio iniziale di 60 ore.

Purtroppo il superamento dell’esame non è riconosciuto dall’IVASS come aggiornamento professionale e pertanto per tutti coloro che sono iscritti già al RUI è obbligatorio svolgere 30 ore di formazione in aula o online entro il 31/12/2019.

Abbiamo avviato già da alcuni anni una collaborazione con una primaria società di formazione assicurativa, la Atoma, per offrire a tutti coloro che ci seguono il Corso a distanza di 15 o 30 ore valido ai fini dell’Aggiornamento Professionale Obbligatorio annuale (Reg. ISVAP 5/2006) ad un prezzo imbattibile di € 40 + iva per le 15 ore e € 60 + iva per le 30 ore.

Chi volesse usufruire di questa offerta può cliccare al link di seguito:

DATA ESAME IVASS 2020

Entro la fine di dicembre verrà indetto dall’IVASS il nuovo bando d’esame per il prossimo anno.

Invitiamo tutti i futuri candidati a registrarsi sul nostro sito, lasciando il proprio indirizzo e-mail nell’apposito spazio che trovate qui in alto a destra sul nostro sito.

Provvederemo ad avvisarvi via e-mail non appena il nuovo bando sarà pubblicato e sarà possibile presentare la domanda di ammissione all’Esame IVASS 2019/2020.

Per informazioni sui nostri corsi in aula 2020 a Roma, Milano e Bologna potete contattarci all’indirizzo e-mail info@insurancelab.it o al  392 93 23 267.

 

A tutti quelli che sono riusciti a superare l’esame di quest’anno vanno i nostri migliori auguri e un ultimo consiglio per le nuove sfide che verranno

“SII SEMPRE UN PARAMETRO DI QUALITA’. MOLTA GENTE NON E’ ABITUATA ALL’ECCELLENZA”.

– STEVE JOBS

Clp-frrXIAAodzW

Esame IVASS 2 Luglio 2019: sul sito dell’IVASS pubblicati gli esiti ufficiali. Tasso di promossi record al 43,9%

L’IVASS ha reso noti adesso sul suo sito gli esiti della prova scritta dell’esame per l’iscrizione alle sez. A e B del RUI dello scorso 2 Luglio 2019.

Per visualizzare il proprio voto è necessario andare al link indicato di seguito e utilizzare le credenziali (indirizzo mail e password) ricevute al momento dell’iscrizione alla prova di idoneità:

https://servizi.ivass.it/applicazioneConcorsi/inizio.do

oppure al link che vi indichiamo di seguito:

https://www.meritoconcorsi.it/accesso-atti-on-line/

Inserendo CABN e Password ricevuti il giorno della prova è possibile vedere se si è passati o meno all’esame.

Il voto è già espresso in 100esimi (ricordiamo che il minimo è il 60 centesimi).

Con l’occasione l’IVASS ha appena reso noto con un suo comunicato ufficiale (scaricabile qui) i dati ufficiali di sintesi relativi alla prova di idoneità dello scorso 2 Luglio per l’iscrizione alle sez. A e B del nel RUI.

Il numero totale dei candidati iscritti all’esame di quest’anno è stato 5.231 (in diminuzione rispetto al 2018 in cui si erano iscritte 5.893 persone).

Solo il 57% di questi si è presentato a Roma per partecipare effettivamente alla prova (nel 2018 il tasso di partecipazione è stato un più basso, il 54%).

I promossi alla prova scritta sono stati l’43,9% dei partecipanti effettivi presenti all’esame (nel 2018 il 32,8%, 2017 sono stati il 25% e nel 2016 il 19%).

Di seguito il comunicato con gli esiti dello scorso anno per una veloce comparazione.

Facciamo i nostri migliori auguri a tutti quelli che hanno superato l’esame.

Sono online gli esiti dell’Esame IVASS del 2 Luglio!

L’IVASS ha reso noti sul suo sito gli esiti della prova scritta dell’esame per l’iscrizione alle sez. A e B del RUI dello scorso 2 Luglio scorso impiegando più tempo degli anni scorsi e riconoscendo una domanda dubbia nella prova d’esame assegnata.

Per motivi di privacy soltanto i candidati potranno vedere il proprio risultato andando al link indicato di seguito e digitando il proprio indirizzo mail e la password assegnata al momento dell’iscrizione all’esame:

https://servizi.ivass.it/applicazioneConcorsi/inizio.do

oppure al link che vi indichiamo di seguito:

https://www.meritoconcorsi.it/accesso-atti-on-line/

Inserendo CABN e Password ricevuti il giorno della prova è possibile vedere se si è passati o meno all’esame.

Il voto è già espresso in 100esimi (ricordiamo che il minimo è il 60 centesimi).

Per sapere il punteggio in 50esimi (modulo assicurativo) e capire a quante domande si è risposto in maniera corretta (al netto delle risposte errate), il calcolo da fare sarà: voto assegnato x 50 / 100.

Analogamente nel caso in cui si sia sostenuto il modulo assicurativo/riassicurativo, per sapere il punteggio in 70esimi, il calcolo da fare sarà: voto assegnato x 70 / 100.

AL QUESITO ”E’ SOGGETTO PASSIVO DELL’IMPOSTA SULLE ASSICURAZIONI”: LA COMMISSIONE, RILEVATA LA POSSIBILITA’ DI MARGINI DI OPINABILITA’ E DI INTERPRETAZIONI DIFFERENTI DEL QUESITO NONCHE’ DI CONSEGUENTI DIVERSE RISPOSTE NON ASSOLUTAMENTE ERRATE, HA DELIBERATO DI ATTRIBUIRE UN PUNTEGGIO POSITIVO INDISTINTAMENTE A TUTTI I CANDIDATI.

Facciamo i nostri migliori auguri a tutti quelli che hanno superato l’esame.

 

Al via l’esame semplificato per gli Agenti di Assicurazione che vogliono diventare Consulenti Finanziari

L’OCF da finalmente attuazione a quanto previsto dall’articolo 1, comma 38, della legge di stabilità per il 2016 che prevedeva per gli Agenti di Assicurazione persone fisiche iscritti nel Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi (RUI), Sezione A, su richiesta di potersi iscrivere nell’albo dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede con una prova valutativa semplificata.

Ieri con Delibera n. 1136 del 27 giugno 2019 ha indetto la sessione I della prova valutativa dedicata alle persone fisiche iscritte nella Sezione A del Registro Unico degli Intermediari Assicurativi e Riassicurativi per l’anno 2019.

La prova valutativa dedicata si svolgerà a Roma, nelle date del 10 e 11 ottobre 2019.

È possibile presentare domanda di partecipazione alla prova valutativa utilizzando esclusivamente l’applicazione disponibile sul portale dell’OCF, nell’ “area riservata” agli aspiranti a partire dal 9 luglio 2019.

L’invio può essere effettuato fino alle ore 17:00 del 9 settembre 2019, termine di presentazione della domanda indicato nel bando.

Il testo del bando con i requisiti di ammissione, le materie d’esame, i criteri di valutazione della prova, nonché le modalità di svolgimento della stessa è consultabile su questo sito.

Consulta il bando

La prova valutativa consterà sempre di una prova scritta, della durata di 75 minuti (e non 85 minuti come nella prova normale), eseguita con strumenti informatici e con assegnazione a ciascun candidato di un questionario composto di 54 quesiti a risposta multipla (contro i 60 quesiti della prova normale) di cui 36 quesiti da 2 punti, in cui rientrano 11 quesiti pratici e 18 da 1 punto; i candidati devono scegliere la risposta che ritengono corretta tra le quattro soluzioni proposte per ogni quesito.

I quesiti sono ripartiti tra le materie oggetto della prova come segue:
− 24 quesiti nella materia del Diritto del mercato finanziario e degli intermediari e Disciplina dei Consulenti Finanziari;
− 19 quesiti nella materia delle Nozioni di matematica finanziaria e di economia del mercato finanziario; Pianificazione finanziaria e finanza comportamentale;
− 5 quesiti nella materia delle Nozioni di diritto privato e di diritto commerciale;
− 6 quesiti nella materia delle Nozioni di diritto tributario riguardanti il mercato finanziario.

Rispetto alla prova normale non vengono quindi formulati i 6 quesiti relativi alla materia Nozioni di diritto previdenziale e assicurativo (che è stata sempre quella più difficile da affrontare per i candidati a questo esame).

Al candidato che risponde in modo esatto a tutte le domande è attribuito il punteggio formale di 100/100, sulla base di un punteggio di partenza di 10/100. La prova valutativa si intende superata con un punteggio non inferiore a 80/100.

Tutte le risposte esatte del Modulo Riassicurativo dell’Esame IVASS del 2 Luglio 2019

Con la speranza di farvi cosa gradita e nello scusarci anticipatamente per eventuali errori nella correzione, vi riportiamo (a titolo puramente indicativo e nell’attesa della correzione ufficiale da parte dell’IVASS) le domande somministrate (per il modulo riassicurativo) con l’indicazione della sola risposta da noi ritenuta corretta.

Per scaricare le risposte potete cliccare qui e sull’immagine di seguito.

Tutte le risposte esatte dell’Esame IVASS del 2 Luglio 2019

Con la speranza di farvi cosa gradita e nello scusarci anticipatamente per eventuali errori nella correzione, vi riportiamo (a titolo puramente indicativo e nell’attesa della correzione ufficiale da parte dell’IVASS) le domande somministrate (per il modulo assicurativo) con l’indicazione della sola risposta da noi ritenuta corretta.

Per scaricare le risposte potete cliccare qui e sull’immagine di seguito.

Esame IVASS: Quando saranno pubblicati i risultati della prova del 2 Luglio?

Probabilmente tra 9 giorni e quindi entro il prossimo giovedì 11 Luglio. Ecco perchè. Di seguito una tabella con i giorni che sono stati necessari all’IVASS per pubblicare gli esiti negli anni scorsi.

Esame IVASS 2019: Tutte le domande della prova scritta di oggi 2 Luglio

Riceviamo dai candidati all’esame appena usciti dai padiglioni della Nuova Fiera di Roma e pubblichiamo il questionario d’esame.

Le risposte apposte su questionario non sono quelle da noi ritenute corrette.

Tra circa una settimana sul sito dell’IVASS verrà pubblicata un’area riservata dove visionare in maniera riservata gli esiti della vostra prova.
Se volete essere subito avvisati non appena l’IVASS pubblicherà gli esiti registratevi nel box qui a destra, lasciando il vostro indirizzo e-mail.
MODULO ASSICURATIVO
Nella prima domanda non si legge “è consentito l’utilizzo di procedure…”
MODULO RIASSICURATIVO

Roma – Esame IVASS 2 Luglio 2019: prime immagini in diretta

Pubblichiamo di seguito le immagini che stiamo ricevendo in questi minuti dai candidati all’esame che oggi in almeno 3.500 sono alla Nuova Fiera di Roma per sostenere l’esame per diventare Agenti e Broker di Assicurazione.

Inviateci le vostre foto a info@insurancelab.it e le pubblicheremo in tempo reale sul nostro sito www.esamerui.it e sulla nostra Pagina Facebook.


Tutti i numeri sulle prove d’esame per Consulente Finanziario del 2018

Nel 2018 le prove hanno avuto inizio a febbraio e sono terminate a dicembre.
La prova valutativa si è articolata in 5 sessioni e 12 appelli a cui hanno partecipato n. 3.448 candidati a fronte di n. 4.071 domande di iscrizione ricevute (di cui n. 4.068 confermate), con una percentuale di successi pari al 35,6%. Gli aspiranti consulenti finanziari idonei alla professione sono stati complessivamente n. 1.229.

Al netto delle iscrizioni presentate dai soggetti che hanno ripetuto l’esame in più sessioni, le domande pervenute sono state n. 2.791 (n. 4.059 nel 2017) e alle
prove hanno preso parte n. 2.452 candidati (n. 3.671 nel 2017).
Rispetto al 2017 si è quindi registrato una diminuzione delle iscrizioni alle prove valutative, pari al 27,6% in meno, come ben si desume dal grafico sotto.

Per quanto attiene la percentuale di effettiva partecipazione (rispetto al numero
di domande presentate), questa si assesta all’84,8%, in diminuzione rispetto al
2017 (pari all’87,8%).
Analizzando l’affluenza alle singole sessioni di prova, la quinta, svoltasi nei mesi di novembre e dicembre, è stata quella con il maggior numero di partecipanti, pari a n. 876.
La terza sessione di prove del 2015, svoltasi nei mesi di ottobre, novembre
e dicembre, con i suoi n. 2.427 partecipanti, rimane comunque quella con la
maggior affluenza dal 2009 a oggi.

La sede di Milano, anche quest’anno, si conferma quella con il maggior afflusso
di aspiranti consulenti, avendo ospitato poco oltre la metà dei partecipanti (il
53%, pari a n. 1.826) e ottenendo la più alta percentuale di idoneità (il 38,6%,
pari a n. 705 idonei) dopo quella di Venezia (il 40,2%, pari a n. 51 idonei).

Il voto medio dei partecipanti alla prova è stato pari a 71,3/100, quindi al di sotto del voto massimo registrato nel 2017 a partire dall’operatività dell’Organismo.
Il voto medio degli idonei è stato 86,4/100, non discostandosi dall’andamento
oscillante tra 86/100 e 88/100 riscontrato negli anni precedenti, come si evince
dal grafico che segue. Si ricorda che per il superamento della prova valutativa è
necessario conseguire un punteggio minimo pari a 80/100.

I quesiti utilizzati per le prove sono periodicamente oggetto di accurate indagini
al fine di verificarne la difficoltà empirica. Dalla tabella che segue si evince come i quesiti somministrati siano ben equilibrati con una percentuale di “Risposte errate” che, in funzione dell’argomento, ha mediamente una bassa oscillazione, compresa tra il 26,9% e il 29,4%.
La materia più complessa per i candidati si conferma essere, anche per il 2018,
“Nozioni di diritto previdenziale e assicurativo”.

Le caratteristiche dei candidati alla prova valutativa

Al fine di comporre un quadro completo dei candidati iscritti alle prove valutative si fornisce il dettaglio sull’età e sul titolo di studio.
L’età media degli iscritti alle prove del 2018 è di 35,7 anni (era 36,5 nel 2017).
Questo dato si accompagna ad un aumento dell’incidenza degli iscritti con
età compresa tra i 30 e i 40 anni contestualmente ad una diminuzione degli
over 50.

Oltre la metà delle domande di iscrizione alla prova valutativa è stata
presentata da candidati in possesso di laurea o diploma di laurea (54,1%).
Il dato conferma una tendenza già rilevata nel biennio precedente.
La crescita dei laureati è stata registrata a partire dal 2014, dopo che nel
quinquennio precedente questi si attestavano intorno al 40%, raggiungendo
nel 2016 il 52%.
Se si analizza la composizione dei candidati per fasce di età e titolo di studio
si rileva che nel 2018 solo gli aspiranti compresi nella fascia tra i 50 e i
65 anni sono prevalentemente in possesso di diploma di scuola secondaria
(68,6%).
La selettività della prova ai fini della professione di consulente finanziario è
dimostrata anche dalla distribuzione della percentuale dei successi ottenuta dai
candidati laureati (pari al 42,7%) rispetto agli aspiranti consulenti in possesso di un diploma di scuola media superiore (pari al 27,2%).

Con riferimento alla sezione dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori
sede, il 64,1% degli idonei 2018 si è iscritto all’albo e di questi il 58% ha
ottenuto un mandato da parte di un intermediario autorizzato. Focalizzando
l’attenzione sui neo-consulenti under 30, sono risultati idonei n. 344 giovani
di cui il 63,7% risulta iscritto all’albo, e di questi il 48,9% ha sottoscritto un
mandato ad operare.

Il trend delle iscrizioni all’albo

Con riferimento ai dati dell’albo, i risultati del 2018 presentano elementi di
discontinuità rispetto ai trend del 2017.
Il numero dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede iscritti all’albo alla fine dell’anno è in lieve diminuzione, dopo l’andamento positivo registrato nei precedenti quattro anni. A tale riduzione si accompagna un calo significativo delle domande di iscrizione alle prove valutative da parte degli aspiranti consulenti finanziari, come ben rappresentato nel capitolo precedente.
Si conferma la prevalenza di attivazione di nuovi mandati in favore di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede dipendenti, sebbene in rallentamento.
Si consolida altresì la presenza crescente del genere femminile.
Il numero complessivo di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede è pari a 55.335, pari allo 0,9% in meno rispetto al 2017. In ogni caso il dato è in crescita di circa il 4% rispetto agli ultimi 5 anni.

Dal punto di vista qualitativo tale risultato può ritenersi espressione di diversi
fattori.
Da un lato il processo di consolidamento della categoria, già in atto negli anni
precedenti come peraltro l’opera di razionalizzazione avviata dagli intermediari, è proseguito anche nel 2018. Se poi si analizzano i provvedimenti di cancellazione su domanda dell’interessato adottati nel corso dell’anno (n. 1.674), si rileva che quasi due terzi si riferisce a soggetti non operativi da più di sei mesi o che non lo sono mai stati. In particolare, circa il 38% ha riguardato consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede ancora attivi negli ultimi sei mesi, il 45% ha interessato consulenti finanziari inattivi da più di sei mesi ma con almeno un’esperienza professionale e il 17% consulenti finanziari che non hanno mai avuto un mandato.
Dall’altro lato, trova conferma uno dei fenomeni più recenti nel settore ossia
il maggiore interesse degli istituti di credito verso il collocamento di prodotti
e servizi tramite l’offerta fuori sede, fermo restando un approccio distributivo
multicanale.
In particolare, circa il 60% dei nuovi mandati si riferisce ad operatori con contratto di lavoro dipendente52. Si rileva tuttavia che tale fenomeno, in termini assoluti, ha assunto dimensioni più contenute, inferiori ai picchi raggiunti nel biennio 2014-2015.

Con riguardo all’accesso alla professione, le domande d’iscrizione alla prova
valutativa sono state n. 4.068, inferiori rispetto al 2017 (n. 5.621). I candidati
risultati idonei sono n. 1.229, con una riduzione consistente rispetto all’anno
precedente (n. 2.171).
I provvedimenti d’iscrizione all’albo, pari a n. 2.185, sono diminuiti rispetto
ai n. 3.087 deliberati nel 2017, con un saldo negativo finale rispetto alle
cancellazioni.
Per quanto riguarda, infine, le caratteristiche della popolazione degli iscritti,
permane il tendenziale invecchiamento della popolazione, non compensato
dall’ingresso di giovani consulenti finanziari, con un aumento progressivo
dell’età media.
Rispetto ai giovani under 30, la percentuale di iscritti nella fascia indicata
è nell’ultimo quinquennio stabilmente sotto il 2%. Al contrario, aumentano i
consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede over 50, che costituiscono circa il 57% di tutta la popolazione.
Tale aspetto è da sempre oggetto di attenzione da parte di OCF. Con particolare
riferimento alla componente giovanile, l’Organismo ritiene che sia importante
un’azione di educazione finanziaria mirata a far comprendere a tutti gli attori
di domani la necessità di operare scelte consapevoli volte a garantire il proprio
futuro attraverso una pianificazione finanziaria e, allo stesso tempo, stimolare
l’interesse dei giovani alla professione di consulente finanziario.
Circa la popolazione femminile si evidenzia che le donne (n. 11.822) rappresentano il 21,4%, in leggero aumento rispetto al 2017 (11.736). Nel paragrafo 6.3 si dà conto, in dettaglio, della popolazione femminile.

I consulenti finanziari autonomi e le società di consulenza finanziaria

Secondo una rilevazione condotta da OCF nel 2016 sono oltre 800 i soggetti che
si sono dichiarati interessati all’iscrizione all’albo nella sezione delle persone
fisiche e quasi 70 quelli che si sono dichiarati interessati all’iscrizione all’albo
nella sezione delle persone giuridiche, per un totale di circa 1.400 potenziali
consulenti finanziari autonomi iscritti all’albo, tenuto conto altresì degli esponenti aziendali e dei collaboratori dichiarati dalle società di consulenza
finanziaria che hanno partecipato alla rilevazione.
Al 31 dicembre 2018, e quindi solo dopo un mese dall’avvio delle nuove
sezioni, risultano iscritti n. 94 consulenti finanziari autonomi e n. 13 società di
consulenza finanziaria a fronte di 193 domande pervenute (di cui 166 da parte
di persone fisiche e 27 da parte di persone giuridiche). Dunque, non ci sono
ancora gli elementi per un archivio storico che si contribuirà ad alimentare con
la raccolta dei dati avviata dall’Organismo a partire dall’operatività del nuovo
albo unico.
Infatti, i soggetti iscritti dovranno trasmettere all’Organismo con frequenza
trimestrale informazioni riguardanti il volume di attività, il numero dei clienti, il numero delle raccomandazioni di investimento (acquisti e vendite di strumenti finanziari), le raccomandazioni su strumenti finanziari complessi, le maggiori cinque esposizioni per emittente nel portafoglio dei clienti ed il numero dei clienti con maggiore profilo di rischio.
In tal modo, sarà possibile individuare le caratteristiche e l’andamento dell’attività dei nuovi soggetti impegnati nella consulenza in materia di investimenti.

Fonte: Relazione Annuale 2018 OCF